English  Deutsch  Français  Español
ricerche di mercato
  Cerca nel sito: 

Cercom - Centro Ricerche Comunicazione e Marketing
About us

Ricerche di mercato
+ Tecniche di indagine
+ Ricerche quantitative
+ Ricerche qualitative
+ Ricerche su clienti/PV
+ Ricerche product oriented
+ Ricerche interne all'azienda
+ Ricerche sull'immagine
+ Ricerche sulla pubblicità
+ Ricerche motivazionali
 -  Ricerche Monitor
+ Web research


+ Supporto elettorale


Mystery Shopper

I miei rivenditori sono gentili? Competenti? Rispettano la politica-prezzi? Offrono i miei prodotti prima di quelli della concorrenza? E il posizio-namento sugli scaffali? A queste e altre domande rispondiamo dal 1988.
Pagina di approfondimento
Rete intervistatori.


• Popolarità del Premier

---------------------------------

N.B. Questa pagina è offerta a scopo promozionale ai nostri visitatori, seguendo un'iniziativa oramai consolidata negli anni. E' un minimo estratto di un'ampia ricerca a pagamento. La tabella può essere liberamente pubblicata, purché integralmente così com'è. Il testo o singoli dati possono essere citati, purché venga riportato che si tratta di un estratto, e venga sempre citata la fonte: "Studio Grizzaffi - Cercom Consulting" ed il link "www.ricerchedimercato.it".

---------------------------------

Questa tabella si riferisce al mese di gennaio, quando il Presidente del Consiglio era sempre e pienamente in carica, anche se (secondo gli intervistati) poco presente, sia perché sempre in giro, quasi sempre all'estero, sia perché l'impressione dei più era che al Governo non facesse niente (non "poco" o niente, proprio niente), se non il fantomatico "tessere le fila"(?!?). Significative e riassuntive le dichiarazioni di alcuni intervistati: "sarebbe forse un ottimo ministro degli esteri, parla bene le lingue ed in ambito internazionale si sa muovere, ma come Premier ha poco polso", "forse sta sempre all'estero perché sa che a Roma non potrebbe fare nulla", "hanno (quelli del Governo, ndr.) passato nove mesi solo a discutere di Imu, incasinandola e senza fare niente di veramente utile", ecc.. L'indice Cercom sul gradimento del Premier fa così registrare una notevole caduta, posizionandosi a 31,7.

Ricordiamo che questo è solo un brevissimo e sommario estratto di un'ampia e dettagliata ricerca di mercato a pagamento.



Cliccare per ingrandire l'immagine
Cliccare sull'immagine per ingrandirla.

E' successo negli ultimi 12 mesi
  • Febbraio 2013 (18,4): è il mese delle elezioni, e più ancora del mese precedente gli intervistati fanno fatica a scindere il gradimento del Premier dalla disponibilità a votarlo (che alla fine sarà grosso modo la metà dell'Indice Cercom del mese).
  • Marzo-aprile 2013: mesi surreali, con un Premier uscente che conta poco, e tante schermaglie politiche (nei due mesi gli abbonati ricevono analisi politiche sulla Premiership).
  • Maggio 2013 (50,1): è un mese che parte sull'onda del sollievo provato dai più per la formazione di un governo e finisce con i dubbi che lo stesso si stia impantanando nei vincoli di rigore "tedeschi", così che in 31 giorni l'indice Cercom sul gradimento del Premier perde quasi 10 punti: il 50,1 finale si pone grosso modo a metà strada tra tra quanto fatto registrare all'inizio e alla fine del mese.
  • Giugno 2013 (44,0): bla, bla, bla... progetti... bla, bla, bla... dichiarazioni... bla, bla, bla... vertici... bla, bla, bla... annunci... bla, bla, bla... niente. Questo è ciò che, con una sintesi estremamente grossolana ma altrettanto chiara, pensano gli italiani del Governo. Al Premier va molto meglio (ma per quanto?): il gradimento del Governo è molto più basso (poco più della metà del gradimento del Premier).
  • Luglio 2013 (36,4): continua l'ignavia de facto del Governo: un intervistato dichiara, sintetizzando l'orientamento di pensiero di molti, che "Letta è talmente moderato e indolente, che al confronto Monti era un agitatore iperattivo". Certo, la convivenza della strana coppia Letta-Alfano (non tanto per i due politici simili nell'interpretazione del proprio ruolo, quanto per i partiti che rappresentano) non favorisce le attività di governo; ma gli italiani sono consapevoli che, dopo tutto, questo governo ci sta salvando dalla catastrofe del non-governo. E così, al termine della legislatura, ci toccherà ringraziarlo per aver fatto poco o niente, dopo aver ringraziato Monti per la legge Fornero. Speriamo che questo governo duri a lungo perché preferiamo non sapere di cosa dovremo ringraziare il prossimo.
  • Agosto 2013 (35,7): è uno strano mese. Piace il Premier, per il suo stile ed il fatto che continui a lavorare per tutto il mese di agosto. Ma non piace il Governo che fa poco o niente, se non tanta confusione, aiutato in questo come al solito dai giornalisti, che danno per legge le idee o le proposte, così che le rettifiche giornaliere sono comunque la norma. Piace ancora meno la politica, con percentuali molto elevate di elettori che si sono pentiti del loro ultimo voto (tra i tre partiti maggiori soprattutto 5 Stelle, poi il PD e quindi il PdL). L'indice mensile è il risultato della convergenza di queste tre componenti, che gli elettori spesso non riescono a scindere.
  • Settembre 2013 (43,2): Letta piace a molti più cittadini di quanti ne diano una valutazione positiva. L'elemento negativo, su cui quasi tutti concordano e che abbassa l'indice, è che è lento (anche considerando tutte le "pastoie" politiche). Lo scoppio della crisi di governo, per le modalità con cui si sviluppa ed il timore che genera sul futuro, porta molti a "stringersi" attorno al Premier.
  • Ottobre 2013 (40,6): Letta è lento, Letta non conclude, Letta ha fatto una manovra vuota (con tanto di conferenza stampa fatta d'aria fritta), ma è l'unico che ci tiene a galla per il solo fatto di essere ancora Premier. Così, anche se pochi lo apprezzano veramente, molti apprezzano il fatto che ci sia: siamo, banalmente, al "meno male che Letta c'è".
  • Novembre 2013 (36,9): il "caso" Cancellieri, le primarie del PD, la scissione del PdL con la (ri)nascita di Forza Italia e del Nuovo Centro Destra... il Premier tende, tutto sommato, alla marginalità.
  • Dicembre 2013 (35,3): un Natale sottotono, tanta politica vuota (come tutti i mesi persi a parlare della cancellazione dell'IMU), contrastanti notizie di economia e finanza: ognuno crede, alla fine, a quello che vuole ma, soprattutto, per questo mese, pensa a sé stesso e alla famiglia.
  • Gennaio 2014 (31,7): l'apparente indolenza del Governo (e di riflesso del Premier) continua. Significative e riassuntive le dichiarazioni di alcuni intervistati: "sarebbe forse un ottimo ministro degli esteri, parla bene le lingue ed in ambito internazionale si sa muovere, ma come Premier ha poco polso", "forse sta sempre all'estero perché sa che a Roma non potrebbe fare nulla", "hanno (quelli del Governo, ndr.) passato nove mesi solo a discutere di Imu, incasinandola e senza fare niente di veramente utile", ecc..


Data creazione: 08/07/2006 @ 00:00
Ultima modifica: 05/03/2014 @ 10:13
Pagina letta 120961 volte


Anteprima di stampa Anteprima di stampa     Stampa pagina Stampa pagina


Abbiamo lavorato per...
(selezione)


 

Per alcuni dei simboli di prestigio; per me, con orgoglio, parte del passato, del presente e in molti casi anche del futuro.

G. Grizzaffi



Contatti

Consulenza aziendale
+ Servizi di marketing
+ Web marketing
+ Consulenza pubblicitaria
+ Servizi di Coaching



Ricerca collaboratori
occasionali

1. Mystery Shopper e intervistatori faccia a faccia residenti in tutta Italia, anche nei piccoli centri.
2. Solo per residenti a Roma: intervistatori telefonici VERI madrelingua italiano, francese, tedesco, inglese o spagnolo.

Per saperne di più e proporre la vostra candidatura cliccate qui.


  Developed by Centromedia on GuppY Copyright© 1995-2018 by G. Grizzaffi - All rights reserved Images: Renjith Krishnan - FreeDigitalPhotos.net