Cerco come si dice
Cerca in cercom.com
Errori diffusi

Chiudi Modi di dire

Chiudi Dialettalismi

Chiudi Donne

Chiudi Errori di tutti

Chiudi Parole straniere

Chiudi Politici

Chiudi Traduttori

Giornalisti

Chiudi Premessa

Chiudi A-H

Chiudi I-R

Chiudi S-Z

Chiudi Cognomi italo-stranieri

Chiudi Nomi italiani di città

Utilità
Politici - Inclusivo...
Si dice inclusivo o comprensivo?

 

Questa è la storia di un errore minore, quasi un non errore. E' innanzi tutto una storia di andata e ritorno: il latino " inclusivus" entrato direttamente nell'inglese ("inclusiv") e da questa lingua tornato, attraverso il marketing, a noi nel bruttissimo "inclusivo". Sarà, infatti, certamente meglio dire "comprensivo", quando possibile.

 

Già, quando possibile: inclusivo, infatti, sarà anche un brutto neologismo, ma va a riempire un piccolo vuoto nella lingua italiana, col significato "che comprende", "che include", "che accoglie al proprio interno", ecc.. Ma perché, "comprensivo" forse non lo fa? Sì e no, o quanto meno non sempre.

 

Forse la spiegazione più chiara è con un esempio (reale) tra i tanti: pensate ad un Presidente del Consiglio che invece di dire "Il mio Governo sarà inclusivo di tutti gli italiani" dica "Il mio Governo sarà comprensivo di tutti gli italiani": non è proprio la stessa cosa e, se vogliamo, anche poco chiaro. Certo, "inclusivo di tutti gli italiani" fa accapponare la pelle, non depone a favore della cultura linguistica di chi lo dice, ma rende immediatamente l'idea, anche se sarebbe meglio dire "Il mio sarà il governo di tutti gli italiani".

 

Quindi è meglio evitare inclusivo, molto brutto, anche se l'utilizzo non può essere considerato sempre un grave errore: introdurre nuovi termini per colmare lacune, anche parziali, di una lingua è un processo naturale.


© 2020 - Tutti i diritti riservati - Singoli collegamenti ipertestuali o citazioni sono permessi solo riportando la fonte Cercom.com - Politici
Pagina letta 10317 volte


Stampa pagina Stampa pagina



^ Torna in alto ^