Cerco come si dice
Cerca in cercom.com
Errori diffusi

Chiudi Modi di dire

Chiudi Dialettalismi

Chiudi Donne

Chiudi Errori di tutti

Chiudi Parole straniere

Chiudi Politici

Chiudi Traduttori

Giornalisti

Chiudi Premessa

Chiudi A-H

Chiudi I-R

Chiudi S-Z

Chiudi Cognomi italo-stranieri

Chiudi Nomi italiani di città

Utilità
© Cercom.com - Cerco come si dice

Benvenuti! Se ancora non ci conoscete, questo sito è uno spazio "catartico", tenuto da volontari che soffrono per le continue storpiature della nostra lingua, e proprio di questo ci occupiamo. Chi cerca spiegazioni meramente nozionistiche (di grammatica, lessico, pronuncia, sintassi, etimologia, ecc., ecc.), però, resterà deluso: gli rimarrà, comunque, la scelta tra molti altri siti specializzati, alcuni veramente autorevoli.

 

In questo sito potete trovare:

  • solo articoli con dietro una storia,
  • per il piacere di risolvere dubbi,
  • raccontando sempre la genesi dell'errore o quanto meno il perché,
  • cercando di dare risposte chiare, complete e, possibilmente, piacevoli.

 

Quindi qui non troverete:

  • leoni da tastiera;
  • fustigatori indignati del malcostume linguistico;
  • articoli dove ci si riferisce a qualcuno in particolare con nome e cognome (gli errori non sono mai personali e quando accade lo sono solo per un attimo, perché trovano subito un nuovo padrone)

  • spiegazioni dotte per pochi eletti, dove chi scrive lo fa compiacendosi della propria cultura ma non per interessare coinvolgendo (tanto che se un errore non ha dietro almeno un minimo di storia che possa intrigare, non lo pubblichiamo).

 

Chi collabora qui lo fa gratuitamente e senza secondi fini, se non quello di difendere la moderna lingua italiana. Tenetelo presente tutti, collaboratori e lettori.

 

Chi vuole collaborare, anche sporadicamente, può farlo da qui, donando un po' del suo tempo e del suo sapere. Il collegamento è lo stesso per chi vuole commentare, approfondire, correggere o contestare un articolo: ne terremo conto.

 

Grazie!


 

Ogni volta che parlando adoperiamo una parola straniera, muore un vocabolario di italiano,
ogni volta che commettiamo un errore un vocabolario si ammala o si suicida.
L'italiano è anche tuo, aiutaci a salvarlo.
- Campagna Cercom.com adotta un vocabolario -


L'ultimo articolo

 

Si dice uruguagio o uruguaiano?

 

Fino all'inizio degli anni '60 del secolo scorso la forma uruguagio era secondaria, praticamente non esisteva. Fu Gianni Brera, giornalista e scrittore di grande cultura, oltre che provocatore intellettuale, dotato di una grande vis polemica, che iniziò a diffonderla ed in un'intervista spiegò che dire uruguaiano era sbagliato, visto che gli uruguaiani dicevano "uruguagio", ed a tale forma sarebbe stato opportuno attenersi. Non ci è dato sapere se lo pensasse davvero o fosse solo una delle sue tante provocazioni, fatto sta che da allora questa forma attecchì rapidamente, tanto che già nel 1965 lo Zanichelli prese questa forma in considerazione, pur classificandola come un ispanismo, e che, dall'inizio di questo secolo, è diventata ormai una forma accettata dalla maggior parte dei dizionari e dei vocabolari.

 

Per curiosità, oltre che per far capire come un uomo solo potesse condizionare la lingua italiana, ricordiamo che a Gianni Brera, oltre ad alcune indimenticabili definizioni dei calciatori di allora (Rivera diventò l'Abatino, Riva Rombo di Tuono, Boninsegna Bonimba, ecc.), si deve buona parte del gergo calcistico attualmente in uso. Parole come centrocampista, forcing, melina, pennellare, palla-gol, pretattica e rifinitura, solo per menzionarne alcune, si videro per la prima volta nei suoi articoli. In pratica aveva un'autorevolezza culturale e professionale tale da riuscire ad imporre facilmente le proprie definizioni ai colleghi.

 

Ritornando alla presunta provocazione di dire "uruguagio" perché così dicono gli uruguaiani, riteniamo che non fosse presunta ma effettivamente tale, perché si tratterebbe di un ragionamento al di fuori di ogni logica. Se fosse vero, per lo stesso principio dovremmo dire "un doicce" (Deutscher) invece di "un tedesco", "un fransé" (français) invece di "un francese", ecc..

 

Ma, soprattutto, la forma "uruguagio", indipendentemente da chi la introdusse e perché, è un errore in quanto è una forma inventata, introdotta in modo pretestuoso e che va al di là delle necessità di evoluzione della nostra lingua.

 

Dopo "uruguagio" si assistette già all'epoca ad una corsa acritica all'ispanizzazione di tutti i nomi dei popoli sudamericani di lingua spagnola ("brasileiro" ci è stato pertanto risparmiato, almeno quasi sempre...), soprattutto assumendo ovunque possibile la desinenza "egno" arrivando, addirittura, anche a "equadoregno", l'apice di questo genere di errori (leggere l'apposito articolo per credere).

 

Ricapitolando: la forma corretta è solamente "uruguaiano".

... / ... Leggi il seguito




^ Torna in alto ^